RICCO FINE SETTIMANA CON HANGARTFEST

Dopo il successo delle serate nella Riserva Naturale del Parco del Furlo, Hangartfest XI Edizione torna in centro città a Pesaro, con nuove performance e appuntamenti. Si inizia oggi alle ore 18, con replica alle 19, con l’ultima serata dedicata a Etherotopie, tappa finale del progetto Osservazioni del vento dell’aria della terra e della volta celeste, ideato da Roberto Vecchiarelli ed Eugenio Giordani, co-prodotto da Quatermass-x, LEMS e Hangartfest. Nel suggestivo ambiente immersivo di SPACE del Conservatorio Rossini, con audio a tre dimensioni, la componente sonora di suoni naturali e di sintesi, elaborati digitalmente da Anthony Di Furia, dialogherà con la quarta dimensione, visiva, del gesto e del movimento della performer Kathleen Delaney (Italia-USA).

Poi sabato 27 settembre Palazzo Mosca-Musei Civici e Piazza Mosca accolgono due proposte di Hangartfest: alle 18, Masako Matsushita presenta Confini urbani, una performance di danza urbana che coinvolge i ragazzi del Centro Educativo Lucignolo diretto da Davide Mariotti della Cooperativa L’Imprevisto di Pesaro. L’evento, che nasce da un progetto di Antonella Micaletti, è realizzato in collaborazione con ETRA e Atelier Danza Hangart, associazioni impegnate in attività di educazione e formazione dei giovani. La parte laboratoriale del progetto è realizzata presso Ittico – Fondazione Pescheria. Domenica 28 settembre alle 18, l’appuntamento è con un incontro di approfondimento a Palazzo Mosca che ospitano la “conversazione aperitivo” dal titolo Essere contemporanei?: L’arte del movimento oggi tra derive e ritorni all’ordine. La conferenza è curata da Eugenia Casini Ropa storica della danza, direttrice della rivista scientifica “Danza e Ricerca” ed è condotta da Carmelo Antonio Zapparrata, giornalista e critico di danza. All’incontro, dedicato al concetto di contemporaneità legato alle arti performative interverranno Gilberto Santini, direttore Amat, Bruce Michelson artista e corrispondente dall’Italia della rivista “Dance Europe”, Ingvild Isaksen, danzatrice e direttrice di Sanafestivalen (Norvegia), Masako Matsushita, curatrice dei progetti di residenza presso il festival e dei progetti Aliens e Giovane Danza Oltre Manica, e Antonio Cioffi, direttore di Hangartfest. L’incontro è aperto a tutti, appassionati, operatori ed artisti.

La sera di domenica 28 settembre alle 21, al Teatro Sperimentale, è la volta di Essere Creativo, vetrina della scena indipendente contemporanea dedicata ai performer e ai coreografi emergenti. La vetrina, che quest’anno si è aperta agli artisti europei, ha ricevuto oltre 90 candidature di cui circa la metà dall’estero. Un successo che ha colto il festival di sorpresa e che fa ben sperare per il futuro. Essere Creativo è un progetto Hangartfest al quale partecipano in qualità di partner: AMAT e Ravnedans Festival. Gli artisti in scena, selezionati da una commissione di esperti, sono: Cuenca / Lauro (Colombia / Italia) con (zero) work in progress-estratto; Matthias Kass (Germania), Clément Bugnon (Svizzera) / Cie Idem e la compagnia Equilibrio dinamico (Italia) con il lavoro Continuum; il gruppo Feet Off the Ground Dance Company (Spagna / UK) con Tracing Spaces; la coreografa Sonia Ntova (Grecia / Svizzera) con Ialemos / when there is nothing else to mourn, you have to mourn yourself; la compagnia C&C (Italia) con il lavoro Maria Addolorata e, per finire, il pezzo TempoPelle di e con Clementina Verrocchio e Matteo Principi / Hexperimenta, unica proposta marchigiana della vetrina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...